Comune di Sant'Andrea Frius

Le Origini

Le origini
Se il territorio fu presumibilmente abitato già nel neolitico, fu nell’età del bronzo che la popolazione si infittì. Sono infatti notevoli le testimonianze dell’età prenuragica e nuragica, 11 i nuraghi rilevati, di cui 4 monotorre e 7 complessi, fra cui il Mannu, il più arcaico, Perda Niedda, Guntroxiu e Monte Uda, né mancano le tracce di insediamenti di quella stessa età, come a Tuerra e Niu Caborra. Anche il periodo punico è ben rappresentato, dato che il sito di Linna Pertunta, non molto lontano dal paese, ha restituito alla luce un rimarchevole numero di reperti del più grande interesse, ora in grandissima parte conservati nel Museo archeologico di Cagliari. Si tratta in prevalenza, ma non solo, di ex voto, provenienti forse da un santuario, con esemplari di teste maschili e femminili, piedi destri o sinistri, spesso allungati, volti femminili o profili maschili e ancora catini, anelli e monili vari.
Il territorio continuò ad essere abitato anche in età romana e bizantina, tanto è vero che si sono rinvenuti oggetti di questo periodo (anforette, tazze, bottiglie, unguentari, bracciali, ecc.) in tombe scoperte nello stesso centro abitato.